Primavalle

Nel mirino,
traiettorie casuali
e diagonali basse.
Lo zig-zag divertente
di una linea di mezzeria
ribellatasi all’asfalto.
Due suore, passeggiando,
tagliano la strada.
Scuole dall’aspetto di libri chiusi.
Passi guidati da luci
che si accendono lente.
Alla velocità del fumo
di sigaretta che evapora
scansando una finestra socchiusa.
Murales e disegni
si accoppiano bene
a prospettive che digradano
in luoghi ancora assonnati.
Dove le tragedie del passato
non riposano più.